Visto P-2

Il visto P-2 è pensato per quelle persone che desiderano recarsi temporaneamente negli Stati Uniti per lavorare come artista o animatore, singolarmente o come parte di un gruppo, che si esibirà nell'ambito di un programma d'intercambio, tra una o più Organizzazioni americane ed una o più Organizzazioni straniere. Il visto P-2 non esige le stesse competenze di livello richieste per un P-1, ma al contrario è molto più importante il grado di reciprocità dell'intercambio tra i due paesi. Il visto P-2, così come il P-1, non è un permesso di lavoro.

Il personale di supporto di un beneficiario di un visto P-2, può nello stesso modo richiedere un visto P-2. Per personale di supporto si intendono macchinisti, formatori o persone indispensabili per il corretto svolgimento dell'attività.

Per potersi qualificare è necessario quindi essere un artista che partecipa a un programma di intercambio tra i due paesi, riconosciuto a livello governamentale. Inoltre, è fondamentale possedere competenze paragonabili a quelle di artisti negli Stati Uniti, che partecipano nello stesso programma di scambio fuori dagli Stati Uniti. I partecipanti dello scambio devono beneficiarsi delle stesse condizioni in quanto a periodo e numero di partecipanti.

Uno sponsor o un datore di lavoro negli Stati Uniti deve presentare il modulo I-129 (Petition for a Nonimmigrant Worker) tanto per il richiedente, quanto per il personale di supporto.

Inoltre, bisogna produrre i seguenti documenti:

  • Una richiesta scritta da parte di un'Organizzazione autorizzata;
  • Copia del contratto d'intercambio reciproco tra l'Organizzazione degli Stati Uniti e quella di un paese straniero che a sua volta riceverà un'artista statunitense;
  • Dichiarazione da parte dell'Organizzazione promotrice che descriva il programma di scambio;
  • La prova che tanto l'artista richiedente del visto quanto quello statunitense, possiedono competenze paragonabili e che i termini e le condizioni di lavoro sono simili
  • La prova che l'Organizzazione statunitense è stata coinvolta nella negoziazione delle condizioni d'intercambio e ha dato la sua approvazione;
  • Nel caso gli eventi o spettacoli si svolgano in zone diverse, è d'obbligo fornire un itinerario con le date e i luoghi degli eventi.

Nel caso del personale di supporto, bisogna invece aggiungere:

  • Una richiesta scritta da parte di un'Organizzazione autorizzata;
  • Dichiarazione che descriva le competenze della persona e l'esperienza con l'artista richiedente di un P-2;
  • Copia di un contratto scritto tra il datore di lavoro e la persona di supporto.

Si può cambiare datore di lavoro, ma solo dopo che il nuovo datore di lavoro abbia presentato un nuovo modulo I-129 con il Dipartimento d'Immigrazione Americano (USCIS), chiedendo il permesso di farvi svolgere l'attività e/o prolungare il periodo di permanenza negli Stati Uniti. Il titolare di un P-2, non può iniziare a lavorare con il nuovo datore di lavoro fino a quando il modulo I-129 non sia stato approvato.

Ci si può beneficiare di un visto P-2 per il tempo necessario per portare a termine l'attività da svolgersi, per la durata massima di1 anno, prorogabile per un altro anno, con il fine di poter finire l'attività in questione.

I famigliari di un titolare di un visto P-2 (coniuge e i figli non sposati e di età inferiore ai 21 anni) possono ottenere un visto P-4. I familiari non possono lavorare, ma possono frequentare scuole o Università.

Internet Marketing Experts The information on this website is for general information purposes only. Nothing on this site should be taken as legal advice for any individual case or situation. This information is not intended to create, and receipt or viewing does not constitute, an attorney-client relationship.